Le lumache non dovrebbero morire di maggio, né un 10 ottobre a Parigi…

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 2)

 

E dopo la presentazione di Veleno di Mauro Gasparini, IAP – italianiaparigi  assieme alla casa editrice LINEE INFINITE, sono felici di presentarvi il secondo Apericena letterario IAP, questa volta con l’ex-italianoaparigi Filippo Lubrano ed il suo romanzo esordio:  Le lumache non dovrebbero morire di maggio – Spirali, volute, vite e possibilità umane.

L’autore presenterà il suo romanzo e ne leggerà alcuni brani da Miroglio DOMENICA 10 OTTOBRE 2010 dalle 17h30 in poi, il tutto accompagnato da spritz, prosecchi, vini e cocktail vari e dal famoso buffet “dinatorio” di (apericena disponibile dalle 18:30 in poi). Consumazione obbligatoria – anche analcolica.

 Si consiglia di prenotare via mail a info@miroglio-caffe.com

Il Libro

Quattro città per quattro storie: le vite di Gaelle, Chuck, Bimbo e Jan scorrono parallele, come quelle di miliardi di persone. Ognuno, perso nei suoi affanni, continua a vivere spinto da una forza inarrestabile che non concede tregua. Le tappe sono obbligate, simili, inevitabili; nessuno sembra poter veramente decidere della propria esistenza.

Un avvenimento impercettibile quanto inaspettato trasforma il banale in eccezionale: una lettera anonima sconvolge la percezione della realtà e invita a reagire. Da questo momento quelli che erano degli individui anonimi diventano i protagonisti della propria vita, veri personaggi di un romanzo ancora da scrivere.

Con una scrittura agile e sperimentale, Filippo Lubrano ci accompagna alla scoperta delle infinite possibilità umane, attraverso le pagine di un libro disincantato ma poetico, costruito a spirale come il guscio di una lumaca. Anzi, di una chiocciola, che ha l’immensa fortuna di potersi davvero sentire a casa. Ovunque si trovi.

L’autore:

Una giornata uggiosa del novembre 1983 una cicogna italobelga infila Filippo Lubrano in un comignolo di La Spezia. Circa un anno prima, vi aveva recapitato il primo computer: per questo motivo si considera il primo dei digital native. Dopo un’infanzia trascorsa a scrivere e stilare classifiche di qualsiasi genere, tra il 2006 ed il 2007 trova il compromesso all’idiosincrasia del suo animo laureandosi in ingegneria gestionale e al contempo ottenendo il patentino da giornalista pubblicista. Ha vissuto a Pisa, Parigi e Torino, dove attualmente lavora presso l’IVECO. È cofondatore dell’agenzia creativa Sun-TIMES  e membro di RENA (Rete per l’Eccellenza Nazionale) ed Assochange. Ama la pallacanestro, la pasta al pesto della nonna, giocare in borsa, Wired, gli scacchi, le fotografie di Boubat, Portovenere, la mozzarella di bufala, la poesia di Prévert e Vinicio Capossela, i film di Iñarritu, Montmartre, scrivereeviaggiare (che sono una parola sola). Detesta arrivare, i calamari giganti e le parole superflue. Niente di umano gli è estraneo.

Allora, non vedete l’ora di incontrare Filippo e le sue lumache ??? :-)  

Ci vediamo domenica 10-10-10 alle 17h30 da 

MIROGLIO CAFFE’
88, rue Saint Martin, 75004 Paris

Tél. : 01 42 71 21 24 - www.miroglio-caffe.comM° Chatelet ou Hôtel de Ville

Trova l’evento su Facebookclicca qui

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 2)
Posted on by Redazione Parigi in Arte e Spettacolo, bar, Cultura, Libri, Varie, Weekend

6 Responses to Le lumache non dovrebbero morire di maggio, né un 10 ottobre a Parigi…

  1. Irene

    Io non mancherò !!!! :)

  2. Filippo

    beh, sarà bene che non manchi neanch'io! :)

  3. Franco

    Interessante, cerchero di esserci!

  4. Irene

    Grazie a tutti i partecipanti ! è stata proprio una bella serata !!!

  5. Irene

    Avviso per chi c'era e soprattutto per chi non c'era: il libro di Filippo è disponibile presso La Libreria di faubourg Poissonière!

Add a Comment

Weather forecast by WP Wunderground & Denver Snow Removal