La Parigi XVIII di Claudia – zona Lamarck Caulaincourt

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 2)

[Claudia scrive un nuovo capitolo della vostra Parigi sotto casa parlandoci del suo angolo di XVIII arrondissement...]

Attualmente vivo nel 18° arrondissement, o meglio, è già la seconda volta che cambio casa e resto nel quartiere. Diciamo che su un anno e mezzo che vivo a Parigi, uno e cinque mesi li ho vissuti qui! Sono in zona Lamarck Caulaincourt, molto bella e residenziale, a ovest della collina di Montmartre e la via porta direttamente al Sacro Cuore. Il quartiere è molto residenziale, tranquillo (l’opposto del 18° a est della collina e in zona pigalle), poco e per nulla turistico, cosa che invece si potrebbe presumere: è vero, la fermata metro è una di quelle che porta al magnifico “panettone” bianco che domina la città, ma i turisti non si fermano in zona, proseguono fino alla piazzetta dei pittori e alla chiesa, per fermarsi sulle scalinate a rimirare il panorama. Quindi tutti i locali e ristoranti nei paraggi, solitamente, sono bazzicati da residenti, che siano essi parigini o stranieri. Direi che questo è un ottimo punto a favore: vero spaccato di vita parigina!

Per quanto riguarda i servizi, c’è un autobus (n.95) che porta dalla parte opposta di Parigi, come le due metro in prossimità (linea 12 e 13). Diciamo che le linee non sono proprio comodissime: tra metro e autobus fanno tutte più o meno lo stesso tragitto, da nord ovest a sud ovest! Ciò vuol dire che ogni volta che si vuole andare verso est un cambio almeno deve esser previsto! Ma per la sottoscritta non è molto grave, in quanto per andare al lavoro ho la linea diretta, ed è una fortuna! Se la sera fate tardi e non riuscite a prendere l’ultima metro, calcolate bene dove vi trovate: potreste arrivare a spendere anche 20€ per rientrare in taxi! Mi è successo qualche volta. Riflettete il giusto prima di dire “ma si, altre due parole -ultimo bicchiere- e poi divido un taxi con qualcuno”. O questo qualcuno abita vicino a voi, o sarete gli ultimi a rientrare. Non ho mai avuto l’ebbrezza di provare l’autobus notturno: non conosco il tragitto e dopo l’ultimo bicchiere, é più facile rientrare in taxi…sempre che lo si trovi..

Sì perché Montmartre sarà anche un dei quartieri più tipici e conosciuti della città, ma dovete sapere che è fuori dal così detto centro, dove di solito si svolgono tutte le principali attività parigine. Sarà che io ho avuto la sfortuna di avere tutti gi amici che abitano tra il 1°, 11° e 19° arr, ma mi prendono sempre in giro dicendomi che per venire dalle mie parti si va in roaming internazionale! Quindi: posizione del quartiere e collegamenti punto sfavorevole!

Per quanto riguarda i negozi, sarà alquanto dura trovare un posto a Parigi dove non si trovi un minisupermercatino! Qui ci sono un po’ di supermercati, in prevalenza la catena Franprix che, a differenza di tanti altri arrondissement, han deciso di non ammettere come metodo di pagamento i buoni pasto (che uso spudoratamente!) e di alzare i prezzi a secondo della strada in cui si trovano. Ci sono anche un Carrefour e un Ed, scendendo poi verso Guy Moquet si trovano Monoprix e Lidl. Ma la cosa più importante sono i mercati…che ancora non sono riuscita a trovare! So che la domenica mattina a Guy Moquet si trovano i negozi aperti (qualche volta sono riuscita a svegliarmi in tempo per farci un salto); fruttivendoli e macellerie fanno anche dei prezzi di favore, ma un vero e proprio mercato con banchi di frutta e verdura portate direttamente dalla campagna non li ho ancora visti. E so che in quartieri limitrofi se ne trovano. Se non sbaglio al martedì c’è un mercato a Barbès, ma visto che lavoro, non ho mai avuto modo di vederlo. Comunque in zona troverete anche Coccimarket e boulangerie vari, take away cinesi, giapponesi, turchi, greci….chi più ne ha più ne metta! Quindi: punto a favore per quanto riguarda l’ampia scelta di posti dove fare la spesa, a sfavore per i prezzi e per gli orari (dimenticavo di dirvi che la domenica in altri quartieri potrete trovare i negozi-supermercati aperti tutto il giorno e non solo la mattina).

Ma veniamo alla parte divertimento. Qui avete un sacco di localini veramente tipici, come vi dicevo; qualcuno più conosciuto, altri meno. Ovviamente avete la zona turistica, ma io ve la sconsiglio: se abitate in una città, avere orde e orde di persone che vi passano accanto e dicono tutti la stessa cosa e fanno tutte la stessa foto….ecco….ci siamo capiti!

Per un buon happy hour, per una buona cena e anche per un dopo cena avete tutto quel che cercate. Dalla fermata metro Lamarck a piedi si raggiunge facilmente Abbesses, luogo per eccellenza di baldoria, ma anche la zona est della collina, che notoriamente è più animata rispetto alla ovest! Ai piedi del Sacro Cuore troverete infatti una bella via in cui i locali si susseguono e sono sempre animati, per poi passare in viuzze più nascoste, dove potrete anche gustare ottima cucina etnica, tra cui annovero un buon ristorante afghano. Verso Caulaincourt troverete bistrot e simili, più moderni o più tradizionali a seconda, ma le persone che ci lavorano, secondo l’esperienze avute da me medesima fino ad oggi, sono sempre simpatiche e disponibili, contrariamente a quanto si può riscontrare frequentando locali in altri quartieri. Dunque, darei due punti a favore alla zona in questo caso.

La scelta del quartiere merita di essere fatta non solo a tavolino ma anche con la visita alla casa: una strada di differenza può cambiare totalmente l’idea che avete della zona. Nel mio caso, basta spostarsi di due strade parallele a ovest per trovare tutt’altro ambiente. La sicurezza del luogo non è per nulla da sottovalutare, soprattutto se si è donne. Non che mi sia successo qualcosa di grave, ma esser prudenti non è mai male. Nei primi 15 giorni della mia esperienza parigina mi sono messa a fondo a cercare casa ( e ci sono riuscita!), e nel farlo ho cercato di evitare le zone dove non era possibile rientrare la notte sola. La mia priorità è stata dunque: sicurezza del quartiere! Il resto è venuto dopo: casa in buone condizioni e vivibile, prezzo ragionevole, possibilmente stile haussmanien del palazzo ( e la zona ovest del 18° offre per la maggior parte edifici in questo stile), coinquilini puliti e ordinati (non ho fatto troppo caso al lato caratteriale..) e un quartiere con divertimenti e servizi. Avrei preferito il marais 3°/4° arrondissement, ma i prezzi erano decisamente fuori dalla mia portata. Eccomi quindi nel 18o, terza casa in un anno e mezzo, seconda nella medesima zona. Dovessi spostarmi, sarebbe verso il centro, ossia 1° 2° o 3° arr, oppure totalmente da altra parte: Boulogne – Neully, dove c’è natura a portata d’uomo. In effetti, dove sono io i parchi dove fare jogging potete scordarveli. L’ideale per aver parco accanto sarebbe nel 9°-17° con Parc Monceau (se potete permettervelo, io so cucinare molto bene e vi farei delle ottime cene! ;-) ) oppure 19° con a mio avviso il più bel parco parigino accanto: Buttes Chaumont!

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 2)
Posted on by Redazione Parigi in Affitti Parigi, bar, Cultura, Esperienze, Istruzioni per l'uso, Opinioni, Società, supermercati, tempo libero, Trasporti, Turismo

19 Responses to La Parigi XVIII di Claudia – zona Lamarck Caulaincourt

  1. Camilla

    Ciao Claudia, siamo quasi vicine di casa!! il tuo articolo precede di poco il mio su un'altra parte del 18esimo che sto scrivendo. Per quanto riguarda i mercati alimentari, sappi che ce n'è uno molto interessante (a parte in questi giorni di gelo siberiano) in rue Ordener tra la mairie (Jules Joffrin) e rue Championnet il mercoledì e il sabato mattina...

  2. Stefano

    ...e il ristorante afghano dov'e' e soprattutto...com'e'?? :)

  3. Camilla

    il ristorante afgano è accanto a casa mia in rue Paul Albert, io non ci sono mai stata ma me ne hanno parlato assai bene!

  4. claudia

    grazie per il suggerimento del mercato Camilla! e il ristorante è proprio in rue Paul Albert. Se vi piacciono i gusti un pò piccantini, merita veramente.

  5. Andrea

    Ragazzi a quando una bella rimpatriata dal vivo di tutti i frequentatori di questo sito?

  6. Florence

    Ciao tutti !!!
    Ho voglia di incontrare Italiani che vivono a Parigi

  7. Carmelo

    Vorrei trasferirmi anch'io a Parigi. Vivo in Italia e faccio l'avvocato ma mi sono decisamente stancato di vivere qui e di fare quello che faccio.

  8. Redazione Parigi

    @ Andrea: prova a lanciare l'idea sul FORUM
    :)
    http://www.italianiaparigi.it/forum/

  9. Andrea

    Grazie per il forum ragazzi! Provvedo subito ;-)

  10. Annick Paragona

    Per il mercatino, si trova all'inizio della Rue du Poteau.Esiste da tanti anni. Abitavo anche io in questo quartiere anni fa, è sempre uguale e ci ritornerei volentieri.Sono francese, italiana di cuore, ho visuto a Milano e tanti anni a Napoli.Per aggiungere alle vostre informazioni, nelle scale della rue Cyrano, c'erano gli studi cinematografici, utilizzati per cinema e televisione, esiste ancora, è dedicato alla scuola del cinema, l'ingresso si trova rue Francoeur, all'angolo della rue Caulaincourt. Se interessa qualche studente in questo settore.

  11. claudia

    Carmelo, non è semplice...possibilissimo, ma o fai come ho fatto io, mollato tutto e tutti senza avere alcuna sicurezza (e ancora ne pago le conseguenze, ma non me ne pento!) o come hanno fatto i miei amici: mandi cv e cerchi casa già dall'Italia!

  12. Redazione Parigi

    Carmelo, Claudia, discutetene nel forum :)

    Le discussioni "perennizzate" e visibili saranno utili anche in futuro :)

  13. Carmelo

    Innanzitutto grazie a Claudia per la risposta e per il l'incoraggiamento...Questo sito e il forum sono una eccellente iniziativa... Mi piacerebbe sapere se effettivamente per un avvocato- fotografo c'è qualche occasione di lavoro? Gerazuie Vin invio italiani già a Parigi

  14. Francesco

    Ciao Claudia,
    Vivo a Parigi da circa 8 anni nella stessa zona tua. Sono nel pieno della zona che indichi come quella frequentata da orde di turisti che fanno tutti le stesse foto!
    Non sono d'accordo su alcuni punti della tua descrizione, forse perché conosco molto bene il quartiere.
    Per esempio, anche io come te ho amici che dicono che Montmarte non é facilmente raggiungibile, ma é chiaro che si tratta di gente che non la conosce! Con una media di 20 minuti da qui arrivi dappertutto nel centro di Parigi (e non é tanto per una città grossa 2 milioni di abitanti!!).
    Se no per la spesa, hai mai provato ad andare in zona Abesses? La domenica é tutto aperto fino ad ora di pranzo e c'é un Monoprix davanti il Moulin Rouge aperto fino alle 11 di sera ogni giorno..
    Per quanto riguarda i mezzi di trasporto, sei a due fermate di metro dalla coincidenza con la 4 che porta nelle zone che ti sembrano lentamente raggiungibili e poi c'é anche l'autobus 80 che fa un altro percorso del 95 attreversando tutta la città da nord a sud (zona ovest, certo, ma cmq comodo)!
    Per i parchi dovresti dore un'occhiatina dietro il Sacré Coeur, ci sono un certo numero di giardinetti simpatici e con l'arrivo del bel tempo una piacevole passeggiata fino al Parc Monceau ti prenderà una ventina di minuti dalla rue Caulaincourt.
    Spero che resterai ancora a lungo nel quartiere con più charme di questa bellissima città!

  15. Valentino

    Salve a tutti, grazie a Claudia per questo favoloso pretesto e per la sua retrospettiva sulla Butte. Io sono un dottorando in Cinema a Paris 10 e da 6 mesi ormai abito nella bella Parigi. Adoro Montmartre e intendo trasferirmici dalla mia attuale abitazione (14° Porte Orléans). Inoltre, dopo la prossima grande rentrée avvierò una collocazione con una mia collega, pertanto sono fin da ora alla ricerca scrupolosa di un'occasione (bilocale, monolocale, deux pièces) per alloggiarvi a partire da ottobre 2012 per tutto un anno e anche più. SE QUALCUNO DEI LETTORI E LA STESSA AUTRICE AVESSERO SUGGERIMENTI O MEGLIO SOLUZIONI CONCRETE, sarete i benvenuti. La mia mail è valentinomisino@live.it. Spero che mi rispondiate numerosi. A très très vite V.

  16. Pingback: Praticare sport a Parigi: la regola numero 1 e corsi di danza

  17. Pingback: Praticare sport a Parigi: i club e i corsi vari (yoga, tennis...)

  18. Pingback: Una partita di Rugby a Parigi

  19. Pingback: I mercati alimentari a Parigi

Add a Comment

Weather forecast by WP Wunderground & Denver Snow Removal