Parigi, la pioggia, l’estate

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 2)

Ve ne sarete certamente accorti: l’estate a Parigi è un mito, non esiste e se per caso l’avete intravista, beh, è già finita senza essere praticamente iniziata. Lontani gli anni della canicule (qualcuno la ricorda?), da qualche anno a questa parte si devono fare i conti con le giacche e le couettes* mai rangiate** dall’inverno precedente.

Eppure avrete certamente letto o sentito parlare di Paris plage, dei picnic lungo la Senna o di dove trovare un cono gelato italiano (che non rischierà di colarvi in mano..).

E allora? Che fare in queste giornate senza stagione? Beh, come sempre Parigi offre varie soluzioni!
Se il cinema all’aperto della Villette é interessante ma poco adatto viste le temperature, perché non andare all’MK2 Quai de Seine? Il cinema si trova sul bacino della Villette e finito il film invita ad una passeggiata lungo gli argini. In fondo, le giornate sono lunghe e il sole tramonta tardi (almeno questo dell’estate!). Per lo stesso motivo, una visita notturna al Louvre puo’ essere un piacere se abbinata ad una passeggiata lungo la Senna.

E se piove? beh, si possono riscoprire altri luoghi di Parigi, ad iniziare dai passages couverts. Nati nel 19o secolo proprio per proteggere dalla pioggia, vi si trovano nascosti negozietti fermi al secolo scorso (..l’800..) e ristorantini (…occhio, alcuni sono chiusi la sera). Insomma, un piccolo grande viaggio a portata di mano…
Altra meta interessante é la Bellevilloise, che certamente molti di voi conosceranno come locale notturno ma che anche di giorno ha un certo interesse per gli spazi che offre (ad iniziare dal “giardino degli ulivi”) e gli spettacoli che vi vengono organizzati. Scongiurato l’effetto-serra, potrete visitare la grande prairie all’ultimo piano o, perché no, organizzare un brunch con gli amici magari ascoltando un concerto jazz.

E se proprio non vi passa più e non potete tornare in Italia…beh, almeno cercate di riderci un po’ su! How to become Parisian in one hour continua durante tutta l’estate…

E voi, che suggerimenti avete per l’”estate” parigina?

*couette: trapunta
**rangiata: frantaliano da ranger ovvero riporre, sistemare

[Foto Irene P.]

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 2)
Posted on by Stefano in Esperienze, Opinioni, tempo libero, Turismo, Varie, Weekend

2 Responses to Parigi, la pioggia, l’estate

  1. Irene

    Io questo weekend ne approfitto per fare l'ultimo giro ai saldi .. Con tutto a -70% ... Derniers prix...Etc... E il fatto che non faccia caldissimo non è poi cosi male. Speriamo che non piova...

    http://www.italianiaparigi.it/2012/06/25/i-saldi-estivi-a-parigi-iniziano-questo-mercoledi/

  2. Paola

    Bè diciamo che l'anno scorso fine agosto l'abbiamo vissuta con 40 gradi ed un tasso di umidità del 100/100!!!!
    Parigi è discontinua ed imprevedibile ormai... La canicule c'é purtroppo ma arriva senza preavviso e dura qualche giorno...

    Io personalmente amo le estati tipicamente pargine cioè fresche ed effettivamente a Parigi non ci si annoia!!!;-))

Add a Comment

Weather forecast by WP Wunderground & Denver Snow Plowing